Incroci

Quando la storia incontra altre strade.

Picture of the author

Il panino impossibile. Digiuno e astinenza in quaresima

Claudio Ferlan
Claudio Ferlan
,
Il mercoledì delle Ceneri secondo il calendario liturgico della Chiesa cattolica romana è il primo giorno di quaresima, periodo di quaranta giorni precedenti la Pasqua durante il quale ai fedeli sono richiesti comportamenti alimentari sobri e moderati. Tutto nasce dal racconto dei Vangeli sull'esperienza di Gesù nel deserto, subito dopo il battesimo e prima di iniziare la propria vita pubblica. Oggi il Codice di diritto canonico (1983) ha di molto limitato le ristrettezze della tavola (richieste solo in tutti i venerdì e nel tempo di quaresima), ma vi sono stati tempi in cui più della metà dei giorni dell'anno aveva indicazioni precise su cosa, come e quando mangiare e bere. È una storia millenaria, tuttora in divenire.
Picture of the author

Il “Giorno del ricordo” 2021 in 8 FAQ per il mondo della scuola

La Redazione
La Redazione
,
Negli ultimi anni ogni 10 febbraio migliaia di docenti si confrontano con temi complessi come quelli delle foibe e dell'esodo. Questo dossier vuole essere uno strumento conoscitivo dedicato al loro lavoro.
Picture of the author

Il grigio che è in noi. Riflessioni per un’integrazione etica della memoria

Martina Merletti
Martina Merletti
,
Si è pensato che l'istituzione del Giorno della Memoria fosse di per sé sufficiente a scongiurare il ripetersi della storia. Oggi rigurgiti di xenofobia e antisemitismo emergono ubiquitari e molteplici. Esiste un modo per far sì che centinaia di voci, ore di scuola e investimenti pubblici contribuiscano in maniera più efficace alla formazione di una coscienza pensante, che argini attivamente i linguaggi, i pensieri e le azioni che hanno creato le condizioni per il verificarsi della Shoah?
Picture of the author

Gli ignoranti sono sempre i più audaci e i più pronti a scrivere. Baruch Spinoza e il Trattato teologico-politico

Enrico Manera
Enrico Manera
,
Trecentocinquanta anni fa, nel 1670, ad Amsterdam veniva pubblicato anonimo il Tractatus theologico-politicus, scritto da Baruch Spinoza. Il libro, che i contemporanei hanno definito «pieno di abomini deliberati e un cumulo di idee forgiate all'inferno» e che è stato censurato e discusso per secoli, è un punto di svolta per la filosofia moderna. Un testo chiave del naturalismo, del secolarismo e di una concezione scientifica della realtà. Spinoza elabora teorie filosofiche, etiche e politiche, strettamente intrecciate con la propria biografia e con la storia coeva, e le sue conclusioni sono di grande attualità.
Picture of the author

Cento anni di Gianni Rodari

Enrico Manera
Enrico Manera
,
 Il 23 ottobre 1920 nasceva Gianni Rodari. A cento anni da allora, e quaranta dalla prematura scomparsa, in una stagione di nuovi studi e di celebrazioni lo straordinario scrittore, intellettuale e militante viene restituito al tessuto sociale e politico del tempo e può trovare posto nella cultura e nel canone novecentesco.La Storia Tutta lo vuole ricordare sottolineando il rapporto profondo con la storia che emerge nella sua attività letteraria e pedagogica.
Picture of the author

Un “negro” scalzo conquista Roma. L’impresa di Abebe Bikila nell’anno dell’Africa

Marco Meotto
Marco Meotto
,
Il trionfo nella maratona delle Olimpiadi di Roma - sessant'anni fa - dell'ex suddito dell'Impero mussoliniano è denso di rimandi simbolici e permette di gettare uno sguardo sui processi storici in corso nel 1960.
Picture of the author

Fluttua come una farfalla, pungi come un’ape. La storia di Muhammad Ali, che fu Cassius Clay

Claudio Ferlan
Claudio Ferlan
,
Cassius Clay / Muhammad Ali è stato un pugile eccezionale, un peso massimo in grado di combattere con un'eleganza e a dei ritmi sconosciuti prima di lui. È stato un fenomeno mediatico senza eguali, capace di utilizzare consapevolmente i mezzi di comunicazione per promuovere le proprie idee e le lotte sociali che gli stavano a cuore. È stato un uomo malato che ha saputo convivere con il dolore, sforzandosi con successo di dare dignità alla malattia in tempi nei quali non era certo comune farlo. Dicono sia stato, semplicemente, il più grande.
Picture of the author

Il concerto che fece crollare il Muro. David Bowie e la Berlino della Guerra fredda

Francesco Cacciatore
Francesco Cacciatore
,
Cosa lega David Bowie e la Berlino della guerra fredda? La permanenza dell'artista nella città durante gli anni Settanta è ben nota, ma c'è molto di più oltre la convivenza con Iggy Pop e i tre album della trilogia berlinese. Analizzare il potere di David Bowie come artista-simbolo di alcuni momenti fondamentali della guerra fredda può aprire prospettive inedite sulla storia di quel periodo e sul valore della storia culturale: i simboli del tempo visti nell'ambito della produzione dell'artista, ma anche la produzione dell'artista come simbolo del suo tempo.
Picture of the author

Pensare la catastrofe. Walter Benjamin e le tesi “Sul concetto di storia”

Enrico Manera
Enrico Manera
,
Walter Benjamin (1892-1940) è stato un saggista, filosofo e critico dai molteplici interessi e dalla scrittura densa, originale e affascinante. Il testo Sul concetto di storia (1940), noto anche con il nome di Tesi di filosofia della storia, è una riflessione sulla catastrofe nella storia, quando eventi epocali e sconvolgenti sembrano cancellare ogni significato al mondo scagliandolo nel caos e nell'orrore; al tempo stesso è un manifesto del bisogno di giustizia e del desiderio di felicità.
Picture of the author

L’identità non è qualcosa. Un percorso tra storia delle idee e teorie della cultura

Enrico Manera
Enrico Manera
,
Di che stoffa sono fatte quelle cose che chiamiamo cultura, identità, etnia, civiltà? Quale è la loro provenienza e, più ancora, quale la loro funzione? Come agiscono sulle persone e sulle comunità?
Picture of the author

Cantore di sport e storia: il nostro saluto a Gianni Mura

La Redazione
La Redazione
,
Il 21 marzo 2020 ci ha lasciato un grande giornalista.

La ciurma

Viviamo in un'epoca in cui imperversa la "dittatura del presente", in cui il passato è imbalsamato ed è un semplice guardiano dell'esistente. Così nello spazio pubblico e nel senso comune il ricorso alla storia serve troppo spesso per legittimare l'ordine del discorso dominante.

Crediamo fermamente nella necessità di ridefinire l'orizzonte pubblico della storia, ribadendo la natura dinamica e processuale del passato.

Unisciti a noi